Caseipotecate

21 Flips | 1 Magazine | 2 Following | 2 Followers | @Caseipotecate | Keep up with Caseipotecate on Flipboard, a place to see the stories, photos, and updates that matter to you. Flipboard creates a personalized magazine full of everything, from world news to life’s great moments. Download Flipboard for free and search for “Caseipotecate”

Storia di V « Le parole non perderanno mai il loro potere, perché esse sono il mezzo per giungere al significato e per coloro che vorranno ascoltare all'affermazione della verità. » (V durante il discorso televisivo). Storia Di V non è il racconto tratto dal film V per Vendetta, film del 2005 diretto da James Mc Teigue, tratto dal romanzo grafico V per Vendetta, scritto da Alan Moore e illustrato da David Lloyd. Bensì è la storia di un cliente che per privacy chiameremo V. Il signor V lavora in una azienda manifatturiera, ha una #casa di proprietà comprata anni prima con un #mutuo, una moglie insegnate di scuola ora in pensione. Il signor V non ha figli ma ha un nipote, quasi un figlio, che lavora anch’egli nella stessa azienda manifatturiera. Una vita normale, una persona a cui mancano pochi anni per godersi la meritata pensione. Il nipote un giorno chiede allo zio una “cortesia”, vuole cambiare auto ma non gli accettano il #finanziamento perché ha già altri prestiti in essere, chiede allo zio la garanzia per accedere al prestito e il signor V sottoscrive subito, d’altronde è quasi un figlio… Tutto prosegue bene fino al ritorno delle vacanze estive, poi la crisi. L’azienda manifatturiera cessa la propria attività essendosi oltretutto gravemente indebitata. Risparmiamoci tutte le difficoltà del signor V per poter anche solo continuare a vivere. Già pagare il #mutuo e le spese ordinarie diventa difficile con un unico introito, ciononostante riesce ad andare avanti, con enormi sacrifici. Dopo due anni arriva una lettera della #finanziaria che chiede il saldo di tutte le spettanze, farcito di interessi elevatissimi, lo 0,5% meno del #tasso di #usura, altrimenti avrebbero adito alle vie legali per il recupero del proprio credito. Il signor V chiede spiegazioni al nipote che lo rassicura, ha già iniziato un piano di rientro. Dopo altri 2 anni e altre comunicazioni sempre riportate al nipote che minimizza, arriva un tecnico incaricato dal tribunale per predisporre la CTU al fine di procedere alla vendita all’#asta dell’#immobile del signor V. Fermiamoci qui. Questa parte della storia serve soprattutto a capire come una persona morigerata, che ha sempre pagato i propri #debiti, possa trovarsi in una condizione di estrema difficoltà. La sequela di errori successivi è ancora più grave anche perché il signor V si è affidato a dei falsi “professionisti”. Intanto il tempo passa e quando incontro il signor V già l’immobile ha subito due esperimenti di vendita all’#asta, entrambi andati deserti, con l’unico risultato che il prezzo dell’#immobile ha subito un deprezzamento importante che diventerà notevole laddove si arrivasse ad una nuova #asta. Iniziamo subito la nostra azione lavorativa. Valutiamo subito che l’unità immobiliare ha un valore maggiore rispetto a quello proposto nell’ultimo bando di #asta, la cosa di per sé non ci meraviglia, sappiamo che questa tipologia di acquirenti tende ad aspettare che il prezzo si riduca a valori minimi rispetto al mercato di riferimento. Strutturiamo un percorso di vendita con il signor V, attuando una strategia di vendita che ponga attenzione alla tempistica di realizzo che deve essere immediata. Nell’arco di 2 settimane riusciamo a trovare un acquirente dell’immobile del signor V, acquirente bisognoso di #mutuo all’acquisto che non potrebbe avere sull’unità immobiliare in quanto la stessa è gravata di #pignoramento. Il nostro secondo intervento consiste nella chiusura del #pignoramento ancora attivo, cosa che facciamo subito con nostri fondi, attraverso contratti specifici, così l’acquirente può acquisire l’immobile ottenendo il mutuo. Il signor V è comunque una persona segnata da questa disavventura. Quello che gli ha procurato più sofferenza è il comportamento del nipote. Intanto come amo ripetere ai miei clienti, almeno il problema economico è risolto ed è un passo avanti. Ho iniziato questo racconto citando le parole di un altro individuo che si chiama V, la storia fantascientifica di un individuo misterioso, un rivoluzionario anarchico con il volto sempre coperto da una maschera di Guy Fawkes, che si oppone ad una società totalitaria e militarizzata ambientata in Gran Bretagna. La maschera è un simbolo di ribellione. Per chi si chiedesse perché compaiono sempre più spesso le maschere bianche durante alcune manifestazioni attuali, questa è la risposta. La vera ribellione però è nelle parole, nel raccontare storie come queste, per far giungere a coloro che vorranno ascoltare, una possibilità.

CHI PUO' PARLARE MALE DI NOI? Alcuni giorni fa durante un colloquio con il responsabile della società che si occupa della nostra comunicazione, mi è stato chiesto il perché non avessimo raccolto le storie e i commenti positivi dei nostri interlocutori, coloro i quali ci hanno conosciuto, hanno usufruito dei nostri servizi, persone che hanno risolto i loro problemi grazie al nostro aiuto. La mia risposta è stata molto semplice, le persone che noi aiutiamo già vivono un forte disagio, problematiche economiche, la perdita della propria attività lavorativa, tante problematiche che nessuno mai ha voluto pubblicizzare, ne noi stessi come azienda abbiamo previsto di usarli come esempio per casi simili. Il responsabile della società di comunicazione però mi ha detto che sarebbe utile portare a conoscenza di tutti i nostri utenti, le storie delle persone che abbiamo aiutato. Si è creato pertanto in questi giorni un comitato interno per decidere se fosse il caso di creare dei casi aziendali che rappresentassero al meglio dei casi reali su cui quotidianamente lavoriamo. Intanto mentre si sviluppa la decisione sulla pubblicazione dei casi aziendali, riflettevo sulle richieste del responsabile della società di comunicazione. Spesso le aziende in generale chiedono ai propri clienti, coloro che si sono trovati bene, che hanno ottenuto vantaggi dall’operato aziendale, di scrivere delle aziende, di quotarle, di votarle in maniera positiva. Invece io chiedo a coloro che hanno operato con noi, naturalmente che ci hanno conosciuto, se ci sono stati dei comportamenti fraudolenti, se hanno pagato solo un centesimo per qualcosa che non hanno ottenuto. Lasceremo il post aperto ai commenti, vorrei che si creasse una comunicazione al contrario. Avere la casella vuota dei commenti come unico vero segnale di una azienda che non produce danni al cliente. Anzi dirò di più, visto che i nostri servizi sono gratuiti fino alla conclusione della pratica, con costi a carico del cliente solo con la risoluzione della problematica, sfido chiunque a smentirmi segnalando un pagamento effettuato per una consulenza sia tecnica che legale fatta alla nostra azienda o ad un nostro operatore. Un ultimo appunto, commenti veri da persone che ci hanno conosciuto, non i soliti commenti dei frustrati pronti a dileggiare tutto e tutti. A questi ultimi risponderemo come è nostro costume, smascherandoli e irridendoli!

LE DISTORSIONI COGNITIVE E LE LORO CONSEGUENZE Ho ritenuto opportuno parlare di questo argomento, per le caratteristiche comuni che hanno i casi che trattiamo. Tutti, hanno in comune la netta sconfitta della Ragione, con il sopravvento delle emozioni. E questo, perché, è proprio il nostro modo di pensare che influenza le nostre emozioni e quindi come ci comportiamo. Sicuramente il nostro cervello non è fatto per seguire sempre la logica nel trarre conclusioni, e questo non è necessariamente un male. L’agire in modo impulsivo, senza troppi ragionamenti logici, spesso è infatti alla base di meccanismi importanti di sopravvivenza. Pertanto le distorsioni cognitive, ossia le modalità di ragionamento che non seguono la logica, sono all’ ordine del giorno. A volte sono utili, ma molte volte ci possono indurre ad amplificare i danni, facendoci stare sicuramente peggio. Di seguito Vi elenco le principali distorsioni cognitive che spesso caratterizzano il modo di pensare che hanno alimentato e non aiutato a risolvere le problematiche in questione: - l’ INFERENZA ARBITRARIA, che porta a trarre conclusioni in mancanza di evidenze sufficienti. Questo spiega i tanti commenti stupidi che ci hanno rivolto, senza la benché minima conoscenza del nostro operato; - l’ ASTRAZIONE SELETTIVA, che porta a concentrare l’ attenzione su aspetti particolari della situazione in esame, tralasciandone altri. Questo condizione è molto frequente nelle fasi iniziali di una vendita, dove non vengono accolte proposte più vantaggiose perché ci si sofferma su qualche particolare della trattativa, senza vedere il suo insieme; - l’ ECCESSIVA GENERALIZZAZIONE che porta ad adattare conclusioni derivate da eventi isolati a svariate situazioni. Un esempio tipico di tale condizione sono gli stereotipi; - MINIMIZZARE, che tende a ridurre l’ importanza delle situazioni. Questa è la condizione che porta conseguentemente a dare poca importanza alla gestione delle tempistiche; - PENSIERO BIANCO O NERO che tende a catalogare le situazioni in una condizione o al suo opposto. Tale condizione non aiuta certo il compromesso. - PENSIERO CATASTROFICO, è quello che ti fa gettare la spugna e non cercare soluzioni, perché pensi che tanto tutto andrà male e non ci sarà modo di uscirne. CONOSCENDOLI, LI POTETE EVITARE

Il male atavico di “alcuni” Italiani Da quando abbiamo iniziato la pubblicità con Facebook, siamo stati fatti oggetto di continui attacchi da parte di alcuni facinorosi, pronti a commentare in maniera becera qualsiasi nostro post. In taluni casi si è passato addirittura a definirci truffatori, meritevoli quindi di una querela immediata. Altri infine a corollario dei post inneggiano a forme più o meno esplicite di suicidio come unica possibilità di soluzione ai problemi economici. Partiamo da questi ultimi. Provo particolare fastidio nei commenti proposti da queste persone perché mai si dovrebbe scherzare su disgrazie altrui, figuriamoci definire il suicidio una soluzione. Per gli altri che stanno rovesciando su di noi le proprie frustrazioni ed in genere per tutti coloro che scrivono turpiloqui in risposta a dei post veicolati tramite Facebook, ho alcune domande da porre. Primo - Avete mai avuto contatti con la nostra Azienda? Secondo – Avete mai avuto problemi di pignoramenti, debiti impagati o problemi economici? Terzo – Avete mai subito una truffa? Quarto – Vi siete mai suicidati? Qualcuna di queste domande potrà sembrare quantomeno bizzarra ma concedetemi qualche istante e saprò essere più chiaro. Tutti coloro che commentano i post così come ho rappresentato sopra, rappresentano pienamente il male atavico del titolo. Capaci di parlare, giudicare, esprimere odio, per qualcosa che non conoscono. A qualcuno ho chiesto se conosceva il saldo e stralcio, mi ha risposto che siamo amici delle banche! Ad altri ho chiesto se parlavano per esperienza diretta, la risposta è che loro mai si sarebbero trovati in queste situazioni! Tutti non hanno mai avuto nessun contatto con noi! Nessuno si è mai suicidato per poterci raccontare come l’esperienza sia d’aiuto per risolvere i problemi economici. Emerge quindi la volontà di ledere e soprattutto di parlare senza conoscere. Questo è il male atavico. Parlare, giudicare, agire senza conoscenza. Spesso si parla della “casta” e degli enormi guadagni che ricevono ogni giorno per non “fare nulla”. Nessuno però pone l’accento sull’ incapacità degli stessi nel fare e dei danni che producono, realmente enormi, quando fanno senza averne le competenze. Anche questo è un altro esempio di male atavico di “alcuni” Italiani. Adesso mi fermo qui, anche perché sono certo che i facinorosi non leggeranno questo post. Non ne hanno la capacità e gli mancherebbe la necessaria comprensione! L’immagine rappresenta bene il concetto, “a lavare la testa all’asino, si perde il tempo, l’acqua ed il sapone!” Capisco che viviamo in una società dove tutti vogliono partecipare al “rumore”, ma come diceva Charles Caleb Colton “quando non hai niente da dire, non dire niente.”

Gekko e il male del debito indotto...

Sapete cosa fa una persona che non sta pagando un mutuo e successivamente si vede arrivare una notifica di un atto di pignoramento? Cerca l’ aiuto di un consulente. Quanto costa mediamente la consulenza?, Per tale consulenza la richiesta economica varia mediamente dai 500 ai 1000 euro. Ecco un primo beneficio di caseipotecate.it, la nostra consulenza è totalmente gratuita! Qualcuno potrebbe obiettare, ironicamente, fate beneficenza? NO, Siamo una società che svolge un’ attività commerciale, e pertanto ha l’obiettivo di fare utili, come qualsiasi altra attività. La standardizzazione dei processi che abbiamo messo in atto con tutte le collaborazioni professionali attive, ci ha permesso di portare benefici evidenti a persone che vivono già il disagio, senza l’ aggravio di ulteriori costi. Questo è quello che facciamo realmente per aiutare le persone in difficoltà', nel rispetto delle logiche di impresa. Le parole, le critiche qualunquiste, generalizzate, strumentalizzate le lasciamo agli altri.

I Vantaggi evidenti che si ottengono con www.caseipotecate.it : - Gestione unica del processo di saldo e stralcio rapportata allo stato della posizione debitoria, pertanto l'azione di caseipotecate.it cambia in relazione alla posizione del debitore ed al tempo di mancato pagamento. Molti consulenti hanno una gestione non specialistica del saldo e stralcio proponendo risultati estremamente variabili. - La nostra consulenza e' gratuita quindi non abbiamo interesse ad avere tempistiche lunghe con ulteriore aggravio di costi, altri gestiscono la tempistica anche in funzione del proprio onorario. - www.caseipotecate.it valuta i cespiti con un rapporto di due diligence interno. La maggior parte dei consulenti non ha una struttura coordinata con professionisti immobiliari in grado di assolvere le tematiche inerenti la valutazione e la vendita. Spesso, poi, questi professionisti esterni non sono abituati e/o capaci di valutare e trattare tale tipologia di asset. - Nel saldo e stralcio www.caseipotecate.it formula un’ offerta reale ed immediata al creditore, con relativa dichiarazione all' acquisto da farsi nel termine di giorni 30/60, provocando nel creditore una maggiore volontà' a trattare il prezzo in quanto vi è' una reale potenzialità' di vendita. Altri formulano offerte teoriche, non accompagnate da impegni ad adempiere immediati. Ormai è prassi comune parlare di proposte verbali di accordo! Tutti gli operatori sanno che sono impegni che non verranno realmente mantenuti dalle parti tutte. - Caseipotecate si adopera anche in caso di vendita a terzi dell'unità' immobiliare, ove fosse presente un pignoramento. Perché e' prassi comune degli Istituti di Credito non accendere nessun finanziamento fintanto che il pignoramento è' ancora attivo e non cancellato, questo anche per la natura stessa del pignoramento. www.caseipotecate.it, così, risolve tutto ciò' con un intervento diretto, sostenuto da contrattualistica specifica, saldando il debito stralciato e rivendendo al terzo che può' finanziare il proprio acquisto.

LE CONSEGUENZE DEL TEMPO CHE PASSA. Chi cerca il cambiamento deve vivere "l’ADESSO". Dal momento che viviamo la nostra vita "ORA", è probabile che stiamo riscrivendo la nostra storia personale futura. Nel 1905 Albert Einstein pubblicava la sua teoria della relatività, demolendo tutti i concetti principali su cui si basava la concezione Newtoniana dell'Universo. Evidenziava inoltre la Non fluidità Universale del Tempo, vale a dire che il Tempo non è lineare ne assoluto, ma è relativo. Oltre cento anni dopo non abbiamo fatto nostro questo aspetto della teoria di Einstein della relatività. Questa mia non vuole essere una lezione di fisica, semplicemente porre l’accento su un tema fondamentale spesso trascurato, il tempo. Un esempio è dato da chi ha subito un incidente. Tutti, dopo l’evento traumatico, rispondono che i pochi secondi che lo precedono, sembrano un lasso di tempo lunghissimo. Un esempio ulteriore è quello dell’individuo che prende o perde la metropolitana e vive due vite diverse. Hanno fatto anche un film nel 1998 su questo aspetto Sliding doors (porte scorrevoli). Nel film hanno rappresentato bene cosa può significare il cambiamento nella vita di tutti noi, anche semplicemente arrivando prima a casa, piuttosto che dopo! Conosciamo tutti la sensazione del Tempo che accelera o che rallenta; ma se ci abituassimo a osservare i nostri umori, scopriremmo che il nostro Tempo personale varia a secondo del nostro stato d'animo e delle esperienze che stiamo vivendo. Tutto ciò serve a rappresentare un aspetto che ritengo fondamentale. Il nostro vissuto è "ORA, ADESSO". Qualsiasi cambiamento apportato "ORA" alla nostra vita può portare dei cambiamenti significativi tali da essere completamente diversi da quelli realizzati cercando il cambiamento in momenti differenti. Spesso incontro delle persone con problemi economici. Il più delle volte dopo una analisi attenta e rigorosa delle soluzioni, quasi sempre condivisa, le stesse persone spostano in avanti qualsiasi decisione perché diventano prede del proprio umore negativo. Così facendo alimentano il loro percorso negativo. Alimentano il vortice di negatività in cui sono caduti, facendo si che al male si aggiunga il peggio. Bisogna invece vivere il cambiamento e viverlo "ADESSO", solo così si cambia il proprio futuro. G.A.

Perché tutti dicono di amare la verità, ma poi nessuno la cerca? Perché, ormai, non c' e' la capacità di riuscire a vedere nemmeno in superficie. Si reagisce ad un' informazione non in base al suo valore logico, ma alla struttura che la circonda e al modo in cui si relaziona col nostro sistema socio-emozionale. Ecco allora sparare fesserie senza la minima valutazione del contesto e della società che ci circonda, ed oltre ad essere di una volgarità puerile sono di una banalità sconcertante. Ci si scandalizza per un' attività reale come la nostra e poi si è indifferenti ad un sistema finanziario che è 20 volte più grande dell' intera economia globale, con tutti i problemi e le conseguenze che questo genera. Pertanto Vi invito a fare uno sforzo ad un' inversione logica, che può sicuramente aiutare a dare Valore a ciò che non si sa ponendo dubbi alle certezze. Questa e' una condizione essenziale per migliorare il processo d'analisi. "Il dubbio non è piacevole, ma la certezza e' ridicola. Solo gli imbecilli sono sicuri di ciò che dicono" Voltaire.

Comprendo la diffidenza che traspare dai tanti messaggi che ci arrivano quotidianamente. Tante sono le persone in difficoltà in questo periodo storico infausto. Tante di queste persone hanno incontrato professionisti o presunti tali, che hanno procurato ulteriori danni a persone già sul baratro. Vorrei con questa mia, solo trasmettere alcune considerazioni utili a fare chiarezza. Innanzitutto l’ambito lavorativo in cui operiamo è ancora invaso da pseudo operatori che in maniera piuttosto banditesca, improvvisano competenze che non hanno. La nostra esperienza, maturata nel corso di 2 lustri, ci ha permesso di strutturare ed industrializzare una metodologia attraverso la quale riusciamo a risolvere realmente numerosi casi di persone in difficoltà. E’ ovvio che non tutti i casi sono risolvibili, un esempio su tutti è quando il montante debitorio è gigantesco rispetto all’immobile dato in garanzia. La nostra società si rivolge a tutte quelle persone che invece possono risolvere i loro problemi vendendo il proprio immobile ed estinguendo i propri debiti. I nostri servizi sono già evidenziati sulla pagina Face book e sul nostro sito www.caseipotecate.it, ciononostante vorrei porre l’attenzione su due aspetti pratici per meglio aiutare la comprensione dei nostri servizi. Un esempio del nostro intervento positivo è dato da tutte quelle persone che hanno posto il loro immobile in vendita, trovato un acquirente che lo vuole comprare, l’acquirente ha richiesto il mutuo all’acquisto, gli è stato concordato dall’istituto di credito ma poi si blocca tutto perché c’è un pignoramento in corso. Anche lì interveniamo noi. L’altro aspetto che tengo particolarmente ad evidenziare è quello della consulenza. Di fronte a problemi economici importanti, si inizia a risparmiare su tutto anche su una consulenza che è invece fondamentale per poter affrontare le difficoltà in divenire. Evidenzio che la consulenza che noi offriamo è totalmente gratuita, è già scritto nel sito e nelle varie pagine pubbliche, ciononostante voglio ribadirlo per quelle persone che criticano a prescindere, attaccano senza sapere, capaci solo di sfogare le proprie frustrazioni sugli altri. Noi al contrario, realmente proviamo a fare qualcosa di positivo per gli altri, sempre nel rispetto delle logiche del business e del guadagno.

La PAURA che ci blocca. Più volte nel corso della mia vita lavorativa ho riscontrato un fenomeno “particolare”. Tantissime persone, con esperienze diverse e indubbie capacità intellettive, nel momento in cui si trovano a dover affrontare delle difficoltà economiche, invece di agire con solerzia ed affrontare subito le situazioni più spinose tergiversano. Spesso addirittura non affrontano proprio i problemi facendo si che gli stessi si ingigantiscono a dismisura. Un esempio su tutti è quello di un mio cliente di Roma che chiamerò signor X. Premetto che il signor X è una persona perbene e con ottime capacità relazionali ed intellettive. In breve, da manager affermato, si trova senza lavoro, con un mutuo importante da pagare, con rate mensili non più sostenibili. Risparmio tutti gli accadimenti psicologici che la perdita di lavoro può generare, soffermandomi su un aspetto puramente tecnico. L’abitazione gravata di mutuo ha comunque un ottimo valore, quasi doppio rispetto al mutuo da estinguere. L’unica scelta è vendere l’immobile. Effettuo la mia consulenza segnalando le linee guida da seguire ed il signor X è d’accordo su tutto. Ci lasciamo con l’impegno di rivederci dopo alcuni giorni. Dopo una settimana mi richiama dicendomi che ha un’altra soluzione e che mi avrebbe fatto sapere. Mi richiama dopo un anno. Disperato perché l’immobile sta andando all’asta e non sa più cosa fare. Iniziamo la nostra attività lavorativa, affrontando una trattativa con l’istituto di credito. In breve risolviamo tutte le problematiche e vendiamo l’immobile. Il signor X incassa grazie a noi una quota di denaro con cui compra una piccola abitazione in periferia. Se non avesse aspettato un anno avrebbe comprato la stessa abitazione al centro. Alla fine del mio operato gli chiedo solo perché ha aspettato un anno. Lui mi risponde non riuscivo a fare nulla, non volevo pensare a quello che stava succedendo, avevo paura.

Non affondare, contattaci!

Come si vende una #casapignorata prima dell' #asta? Le premesse per la vendita di un #immobile pignorato, nel caso in cui il proprietario dell' immobile sia disponibile a vendere prima dell' asta, sono le seguenti: - che il valore dell' immobile non deve essere inferiore alla transazione debitoria; - che il soggetto venditore non sia fallibile;

I VANTAGGI DELLA PRE-ASTA PER IL VENDITORE/DEBITORE Ci sono 2 vantaggi immediatamente percepibili dal venditore/debitore: - un realizzo certo a confronto dei risvolti negativi dell' asta; - e, poi, con un accordo a saldo e stralcio vi è una riduzione dell' esposizione debitoria con oneri legali e professionali meno gravosi

Sblocca il tuo immobile pignorato. Lo sai che col pignoramento in corso nessuna banca concede il mutuo? Quindi occorre estinguere anticipatamente il pignoramento se vuoi consentire ad un acquirente interessato, di effettuare l' acquisto col mutuo. Senza questa condizione, l'acquirente che necessita del mutuo non può ottenerlo e la vendita non va a buon fine. Con Case Ipotecate.it potrai risolvere il problema, contattaci!

Se conosci una persona con problemi sulla casa, condividi questo messaggio.

Non sprecare tempo....e perdere tutto

Perché evitare che la casa vada all' asta

Una casa che va all’ asta è una casa che è stata precedentemente pignorata. In questo articolo trascureremo le motivazioni di come si arriva al …

COME EVITARE CHE LA CASA VADA ALL' ASTA Nel 2012 c' è stato un boom di pignoramenti, +22,5% su base annua. Non perdere i sacrifici di una vita, le banche si adoperano solo per i propri interessi. Cerca una soluzione in www.caseipotecate.it

Non perdere la tua casa all' asta